Rombo di motori … ciak si gira!

Ford Gran Torino (2)

10 maggio 2016 - Marcello Maccaferri

Inutile nasconderlo: forse qualcuna avrebbe dovuto meritare anche un Oscar. Stiamo parlando delle migliori amiche dell’uomo (maschio), le automobili, non quelle “normali” che si incontrano ogni giorno in strada ma quelle che potremmo definire vere ‘star’ del cinema e delle Serie Tv.

 

 

 

Ferrari 308 GTS (1)

Ferrari 308 GTS

 

 

Protagoniste o semplici comparse, le auto fin dalla loro nascita sono state un soggetto prediletto nelle pellicole hollywoodiane e non. Un ‘ingrediente’ spesso fondamentale, che in molti casi ha fatto la fortuna del film stesso.

Il rapporto automobile-cinema è sempre stato un inscindibile ‘dare e avere’: se la forte personalità di un’auto ha il più delle volte permesso ad un personaggio di diventare unico, è altrettanto vero che film di culto hanno reso famosi modelli di automobili che altrimenti sarebbero passati inosservati al grande pubblico.

 

 

 

Super sportive, utilitarie, multi – accessoriate, parlanti o “macinini”. Dalle più bizzarre alle più invidiate, passando per le “impossibili”, veri sogni di generazioni di appassionati.

Ci sono le protagoniste indiscusse, come Herbie, il Maggiolino Volkswagen più famoso al mondo capace di conquistare il cuore di piccoli e adulti, come le sfreccianti supersportive iper-potenziate della saga di Fast&Furious, o come la mitica De Lorean DMC-12 di Ritorno al Futuro, che con le sue inconfondibili portiere ad ali di gabbiano e la carrozzeria in acciaio portava Marty McFly e “Doc” Brown a spasso nel tempo.

 

 

 

Ferrari 308 GTS (2)

Ferrari 308 GTS

 

 

Poi ci sono le fedeli ‘accompagnatrici’ che hanno reso celebri un dato personaggio. Qui la lista è lunga, soprattutto nelle Serie Tv. La più famosa è sicuramente l’elegantissima Aston Martin DB5 divenuta immortale a fianco di James Bond (che in fatto di auto, e non solo, non è mai stato secondo a nessuno…), ma come non citare anche la Dodge Charger R/T “Generale Lee”, con tanto di bandiera confederata disegnata sul tetto, che accompagnava le evoluzioni dei cugini Duke nel telefilm Hazzard, la Ford Gran Torino rossa fiammante di Starsky & Hutch (che ha anche ispirato Clint Eastwood per l’omonimo film del 2008) o la splendida Ferrari 308 GTS di Magnum PI.

 

 

 

In questa lista potremmo aggiungere anche l’inconfondibile Ectomobile dei Ghostbusters – una Cadillac ‘Ambulance’ Miller-Meteor limo bianca, con ali rosse e fantasmino sul fianco e la mitica Batmobile ultra accessoriata di un noto uomo-pipistrello.

 

 

Ford Gran Torino (1)

Ford Gran Torino

 

 

 

Nella ristrettissima élite di motori diventati famosi grazie ad un film cult, la più conosciuta è senza dubbio l’Alfa Romeo Spider “Duetto” con forma ad osso di seppia, utilizzata da Dustin Hoffman ne Il Laureato del 1967. Un’auto bellissima che senza quella comparsa difficilmente avrebbe brillato così tanto nel mercato USA.

 

 

 

Senza dover per forza scomodare grandi nomi del cinema, le auto nel loro piccolo sono state – e continuano ad esserlo – protagoniste anche nelle pellicole per bambini. Cars è senz’altro l’esempio più attuale e calzante, ma alzi la mano chi non ha mai sognato di fare un giro sul camioncino Wolkswagen colorato di Scooby Doo o, meglio ancora, sul preistorico carretto ‘a rulli’ dei Flintstones.

 

 

 

Alfa Romeo Spider duetto

Alfa Romeo Spider duetto

 

 

 

Articoli correlati

Passione e divertimento nel paradiso del vintage “Andate fiduciosi nella direzione dei vostri sogni”, una citazione come questa, di Henry David Thoreau, riassume efficacemente l’esperienza e il grande successo in ascesa verticale...
SUV e Crossover: e ora chi li ferma più ? Negli ultimi due anni questa tipologia di automobile - che intende coniugare insieme versatilità, spazio, prestazioni, tecnologia e, perché no, anche il lusso - ha visto impennare ...
Lamborghini Asterion, istinto e razionalità Il Minotauro è una di quelle figure mitologiche che difficilmente si dimenticano, anche quando i libri di scuola ci sembrano ormai uno sbiadito ricordo. Sarà la storia vagamente ro...
La mia prima Mille Miglia Quando mi venne offerto di partecipare alla Mille Miglia nel 1953, col corridore francese Paolo Giraud, non ebbi un attimo di esitazione e risposi subito di sì. Era sempre stato il...
Network
×