Sigaro Toscano, Sigaro Italiano

Sigaro_08 (1024x683)

Quando da un "incidente" nasce uno status symbol

Lucca - 6 novembre 2017 - redazione

Se durante l’estate del 1815, a Firenze, fosse stato bel tempo oggi non staremmo qui a parlare di uno dei prodotti simbolo del Made in Italy: il sigaro Toscano. E non avremmo potuto raccontare dei suoi duecento anni di vita, di quanto esso sia stato protagonista della nostra storia, di come, tra le dita di molti italiani, abbia plasmato ed ispirato la nostra cultura ed il successo della creatività italiana nel mondo.

Era il mese di agosto ed un improvviso temporale estivo bagnò il tabacco lasciato ad asciugare all’esterno di una manifattura. Non si poteva certo gettare tutto quel tabacco e allora si decise di farne dei sigari da rivendere poi ad un prezzo economico al popolino di Firenze. Ma era un sigaro diverso che, grazie alla fermentazione, aveva un sapore ed un gusto nuovo che piacque immediatamente al pubblico e che quindi fu messo regolarmente in commercio nel 1818. Un puro incidente, un caso, che ha dato quindi vita ad uno dei più storici simboli del Made in Italy. Da quel momento tabacco e acqua, fermentazione e stagionatura sono stati e sono tuttora gli elementi caratterizzanti dei sigari Toscano.

 

 

1928 - lavorazione sigari

1928 – lavorazione sigari

 

Da allora infatti la sua ricetta originale è rimasta immutata negli anni. Viene scelto solo tabacco Kentucky, rigorosamente OGM free e si affida alla cura delle mani esperte delle sue sigaraie. Le quali, oltre a ripetere gli stessi gesti da due secoli, si possono ancora oggi ammirare all’opera nella Manifattura di Lucca, sempre alle prese con l’amato Stortignaccolo, soprannome dato al sigaro italiano per via della sua forma irregolare.

Da quel lontano 1815 di tempo ne è passato tanto, ma nulla è cambiato nel processo di realizzazione del sigaro. Perché pur essendo cambiate le tecnologie che sono oggi a disposizione, tutto dalla semina, all’essiccatura, all’ammaronamento, alla scostolatura viene fatto come una volta, da due secoli.

Quello che oggi è cambiato, in meglio, è l’attenzione posta su ogni fase produttiva. Un controllo della qualità rigoroso e attento che assicura ad ogni singolo sigaro prodotto un livello di qualità tale da soddisfare pienamente i suoi tanti ed esigenti estimatori.

 

Sigaro_07 (1024x683)

 

 

 

Custode di questa antica tradizione e suo attento guardiano è Manifatture Sigaro Toscano (MST), proprietario del marchio Toscano, la cui missione è quella di far conoscere in tutto il mondo questo prodotto unico, parte integrante della storia e della tradizione italiana.

 

È possibile prenotare una visita guidata per vedere tutto il processo produttivo dal vivo scrivendo a visitamanifattura@toscanoitalia.it

 

 

Manifatture Sigaro Toscano

Manifattura di Lucca

Via E. Mattei, 780 – Loc. Mugnano

55100 Lucca

manifatturesigarotoscano.it

 

 

 

Galleria immagini

Mappa

Articoli correlati

Hotel Bernini Palace Benvenuti nella Firenze inaspettata dell’Hotel Bernini. Il cinque stelle si trova in un Palazzo Fiorentino del XV secolo, a due passi da Piazza dellaSignoria, dalla Galleria d’Arte...
Le Fontane all’italiana    Le fontane esercitano da sempre un fascino irresistibile e svolgono la loro funzione pratica e decorativa sin dagli albori della civiltà. L’Italia rappresenta sen...
Il Palazzo dei Vicari di Scarperia. Custode dell’O...  Filippo Brunelleschi è conosciuto in tutto il mondo per la realizzazione della Cupola del Duomo di Firenze e non tutti sono a conoscenza che Brunelleschi è stato anche un abi...
Giardini Italiani L’Italia, il paese del mare e della montagna, è famoso in tutto il mondo per un’altra sua ricchezza inestimabile, i giardini. La storia dei giardini italiani inizia nel XV secolo c...
Partner
×