Pasta, amore e fantasia: I Ristoranti stellati della Campania

L’Olivo

Napoli - 20 settembre 2016 - Edgar Filatov

Gli odori, le botteghe, le bancarelle del pesce fresco vicino la costa, ogni dettaglio ricorda quanto la Campania sia legata all’arte culinaria, anche il vociare dei napoletani mette l’acquolina in bocca.

 

Taverna Estia
Chef Francesco Sposito – Taverna Estia 

 

 

 

 

 

 

I prodotti da forno e il mercato ittico sono l’eredità culinaria di questa regione. La cucina tipica subisce la forte influenza di cuochi quali Antonio Latini, tra i primi ad usare il pomodoro non solo per guarnire i piatti ma per preparare la salsa. La pasta al pomodoro è in effetti il piatto tipico della dieta mediterranea, saporito ed adatto alle tasche di chiunque, dei signori come dei popolani. Il popolo, infatti, è il vero artefice della creatività culinaria di questa terra. Fin dagli esordi, Parthenope (nome greco di Napoli), permise scambi e attività artigianali in un sistema di economia aperta; così che la cultura araba, spagnola e naturalmente quella francese, potessero influenzarne l’arte e la cultura.

 

 

 

 

Don Alfonso
Il ristorante Don Alfonso

 

Don Alfonso 1890: È proprio dalla tradizione che lo chef Alfonso Iaccarino prende spunto per la realizzazione del menù. Sempre innovativo, ma consapevole di avere un debito nei confronti di una storia tanto generosa. Il ristorante ospita anche una ricchissima cantina con oltre mille etichette di vini proveniente da ogni parte del mondo.

 

 

 

 

 

L'Olivo
L’Olivo

 

 

L’Olivo: Lo chef Andrea Migliaccio arricchisce da subito la cucina di questo 2 stelle Michelin con le pietanze della tradizione campana senza mai trascurare l’estetica del piatto.

 

 

 

 

 

 

Il ristorante Quattro Passi
Ristorante Quattro Passi

 

 

Quattro Passi: La cucina di questo ristorante affonda le sue radici nella tradizione mediterranea. Una cucina semplice, un assaggio di sapori genuini provenienti sia dalla terra che dal mare, per sottolineare la forte appartenenza ai costumi del territorio.

 

 

 

 

 

Tagliatelle di calamaro verace con il suo nero disidratato by chef Francesco Sposito at Taverna Estia
Tagliatelle di calamaro verace con il suo nero disidratato by chef Francesco Sposito  – Taverna Estia

 

 

Taverna Estia: Francesco Sposito è uno degli chef italiani più promettenti. La cucina è per lui come un laboratorio, dove l’ingegno si aguzza per proporre con creatività gli elementi di questa terra.

 

 

 

 

 

Torre del Saracino
Torre del Saracino

 

 

Torre del Saracino: Ordine mentale e creatività. Questo è ciò che lo chef Gennaro Esposito ha imparato nei migliori ristoranti di Parigi. Ai suoi clienti consiglia non solo le eccellenze del territorio, ma anche delle novità, che spesso li lascia senza fiato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Galleria immagini

Articoli correlati

“Forma”, compagno di…Vino Ah... il Parmigiano! Un formaggio che sulla tavola di noi emiliani non manca mai, talmente "radicato" nella nostra cultura gastronomica da cambiargli affettuosamente il nome, da Pa...
Vivo Taste Lab Avete un palato rock? Chef Vincenzo Vottero è il vostro uomo e Vivo Taste Lab è la vostra destinazione a Bologna.Questa è la definizione che lui stesso da della sua cucina…una cuci...
Soave: un turismo con l’anima Ho sperimentato questa forma di esplorazione del territorio nella zona di Soave, dove ho scoperto questo  modo più tranquillo ed appagante di fare turismo, grazie anche all’organiz...
Chef Stellati in Toscana     La provincia toscana mantiene la sua posizione in vetta tra i luoghi dove la permanenza dei turisti è maggiore; molti  dei quali rapiti dall'incanto di questo angolo ...
Network
×