La Via degli Asini

улица asini gallery 1

Brisighella - 10 maggio 2013 - Ugo Forghieri

Sono molte le ragioni per cui la Via degli Asini costituisce oggi una delle maggiori attrattive di Brisighella, un unicum forse mondiale insieme alle famose “Rows” di Chester (UK). Vediamole.

Immaginate un baluardo difensivo, mura merlate che proteggono le case arroccate alla base di un picco gessoso in cima al quale c’è una torre di guardia (la cosiddetta Torre dell’Orologio). E’ come si presentava il nucleo originario di Brisighella nel XII secolo – retto dai Manfredi di Faenza – per difendersi dai numerosi nemici (Venezia, il Papato, gli altri Signori feudali …). In cima alle mura un camminamento di ronda sul quale i cittadini potevano accorrere in caso di pericolo. Quando gli eventi storici resero inutili le difese (dal XV sec in poi), il camminamento fu coperto e servì da sostegno per le abitazioni che vi furono costruite sopra. Lo spazio tra i merli fu lasciato aperto mediante gli archi che ancora oggi illuminano la strada: questa rimase sopraelevata rispetto al piano del terreno aperto antistante le antiche mura.

виа Ассини Бризгелла

Questi ambienti, ormai diventati quartiere cittadino, furono abitati dai birocciai, che trasportavano il gesso dalle cave sovrastanti il paese, servendosi di asinelli, da cui il nome “Via degli Asini”. Le stalle infatti si trovavano di fronte agli archi mentre le abitazioni erano ai piani superiori, riscaldate dal calore degli animali che passava attraverso fori aperti nei soffitti delle stalle. Efficienza energetica che fa riflettere in questi nostri tempi di sprechi. 
I carri da trasporto, “le birocce”, erano invece sistemate nei cameroni scavati nel gesso, che si aprivano nella piazza sottostante.

asini gallery 2

Un artista giapponese di fama internazionale, Hidetoshi Nagasawa, un mattino d’estate si trovò a percorrere la Via degli Asini al sorgere del sole. Vide gli archi della Via illuminati da spicchi di luce in una sequenza di colori affascinante. Prese vernice e pennello e fissò la luce dell’alba sugli archi con spicchi di vernice dorata. La natura aveva ancora una volta lasciato il segno, da verificare di persona. Nagasawa ha realizzato a Brisighella (in via Spada) anche un suggestivo “hortus conclusus” di pietra, intitolato “Il giardino di Ebe”.

Articoli correlati

Ravenna: il Tempo e l’Eternità    Dormi, come l'infante, tu, Ravenna, Nelle mani dell'eternitа …Aleksandr Blok    Le notizie relative alla fondazione di Ravenna si sono perse nei se...
Palazzo del Podestà I lavori di costruzione del Palazzo del Podestà iniziarono nel 1201. In epoca Medievale questa fu la residenza del Podestà, figura della massima autorità all'interno del Comune. Ne...
La Pieve del Tho Sulla strada per Firenze, poco oltre Brisighella, sulla sinistra appare all’improvviso una splendida chiesetta in puro stile romanico: è la Pieve di San Giovanni in Ottavo, detta P...
San Marino – la democrazia più antica del mo... ©Apt San Marino New York, 2 marzo 1992. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite vota all’unanimità l’ingresso del nuovo Stato membro – La Serenissima Repubblica di San Marino. Me...
Scelti per te
SaluteMappa
Network
×