Doni preziosi nella tradizione italiana

Annamaria Cammilli

Regali pregiati per momenti unici

Bologna - 21 aprile 2017 - Silvia Di Giacomo

La tradizione vuole che le occasioni più importanti della vita vengano festeggiate con un regalo importante, che duri nel tempo, che sia prezioso e che valorizzi il destinatario. Un gioiello o un orologio diventano così la scelta preferenziale e sicuramente la più gradita.

 

Per la nascita di una vita nuova donare un diamante sigillato in blister significa donare una gemma che conserverà il proprio valore nel tempo e che potrà essere montata su un gioiello in qualsiasi momento della vita.

Un ciondolo a campanella di Chantecler Capri è un monile portafortuna che si presta particolarmente per una neonata.

Chantecler Capri - ciondolo campanella

Chantecler Capri – ciondolo campanella

Alla madre, il papà del bambino potrà dimostrare il proprio amore con un anello in diamanti. Tra i grandi classici della gioielleria Made in Italy, nel caso del primogenito, risulta particolarmente romantico il trilogy: ognuno dei tre brillanti rappresenterà un membro della famiglia. La neomamma apprezzerebbe sicuramente anche una veretta o un bracciale tennis.

Bracciale Tennis

Bracciale Tennis

 

Il rito del fidanzamento prevede, come promessa, il dono di un anello alla futura sposa. Questo andrà indossato nell’anulare della mano sinistra dove un giorno verrà affiancato dalla fede nuziale. L’anello di fidanzamento per definizione è il solitario, con un unico diamante solitamente tagliato a brillante rotondo. La grandezza e il valore dipendono dal potenziale di acquisto dell’uomo. Alcuni anni or sono il Centro di Promozione del Diamante suggeriva che un dono così importante dovesse avere il valore di tre stipendi del fidanzato. L’uomo dovrebbe in questa ottica risparmiare per molti mesi prima di chiedere la donna in sposa, ma si troverebbe ad affrontare comunque una spesa proporzionale alle proprie possibilità economiche.

 

Da quando il Principe William d’Inghilterra ha regalato a Kate Middleton l’anello cosiddetto a margherita- che era a sua volta stato della Principessa Diana- si è registrato un considerevole aumento nelle vendite di questo modello. Si tratta di un classico della gioielleria, costituito da una pietra centrale di taglio ovale, in questo caso uno zaffiro blu, con contorno di diamanti rotondi.

Anello Zaffiro

Anello Zaffiro

 

È usanza regalare ad una giovane donna che abbia raggiunto l’importante traguardo del diploma di laurea un gioiello, anche di piccole dimensioni, raffinato e portabile durante tutta la giornata, come ad esempio un paio di orecchini in diamanti -puntiluce- o un decolletè diamond.

Un elegante orologio in acciaio o in metallo prezioso è un dono perfetto sia per l’uomo che per la donna. I grandi marchi ginevrini di orologeria svizzera, come Rolex e Patek Philippe, offrono una superlativa scelta di modelli, dal classico allo sportivo, con complicazioni tecniche ricercate o impreziositi di diamanti.

 

Patek Philippe - calendario perpetuo

Patek Philippe – calendario perpetuo

Questi segnatempo preziosi ci trascendono e sono destinati a durare più di noi; infatti –come riportava in una celebre campagna la Patek Philippe- non si possiedono mai completamente, ma si custodiscono e si tramandano.

 

 

Ferdinando Veronesi & Figli

Piazza Maggiore, 4

40124 Bologna

ferdinandoveronesi.com

Galleria immagini

Articoli correlati

L’artigianalità orafa italiana L'Italia è famosa in tutto il mondo per le sue eccellenze manifatturiere e del lusso. Nel settore della gioielleria l'Italia detiene la leadership mondiale nella produzione grazie ...
Cosmoprof Worldwide Bologna 2017 Quest'anno Cosmoprof compie 50 anni e per celebrare questo grande evento, ha deciso di rinnovarsi con tantissime nuove proposte per i suoi visitatori. © Elettra GiulParallelamente ...
Tonya Hawkes Le due anime di Tonya, creativa stilista americana, si ritrovano nelle sue creazioni.Linee essenziali ma eccentriche e sensuali, le sue clutches sono diventate l’icona di uno stile...
Nella Tessuti All’inizio degli anni Cinquanta la moda si concentrava sulle sartorie, dai grandi Atelier ai piccoli laboratori di casa. Acquistare il tessuto per farsi l’abito era una consuetudin...
Network
×