Chef Stellati in Toscana

red desserts XII

Quando l'alta cucina incontra la tradizione rurale

20 luglio 2016 - Edgar Filatov

 

 

 

 

La provincia toscana mantiene la sua posizione in vetta tra i luoghi dove la permanenza dei turisti è maggiore; molti  dei quali rapiti dall’incanto di questo angolo di mondo.

 

 

 

 

 

 

 

Molti sono stati rapiti dall’incanto di questo angolo di mondo, non solo turisti, ma anche artisti e personaggi noti; primo tra tutti lo storico dell’arte Bernard Berenson che acquistò una villa sulle colline di Fiesole trascorrendo il resto dei suoi anni come un perfetto fiorentino. Lo scultore inglese Matthew Spender vive nel Chiantishire dopo essere rimasto folgorato dal provincialismo primitivo e autentico che la Toscana offre. Stesso discorso per Muriel Spark, scrittrice scozzese che scelse una collina sperduta della Val di Chiana come suo rifugio creativo e dell’anima.

 

 

 

 

 ristoranti tuscany

Ristorante Butterfly – Lucca

 

 

 

Attratti non solo dalla quiete e dall’arte di cui questi luoghi sono intrisi, ma anche dalla cucina che per i toscani è insieme arte e stile di vita italiano.

 

 

 

Questa regione ospita ben 29 ristoranti stellati e molti di questi chef sono legati al territorio, alla storia di quel Chianti che è diventato simbolo del vino italiano all’estero, alla campagna, per non parlare poi dell’uva e del vino, dell’olio nuovo,  della spesa fatta dal pizzicagnolo e il panino col lampredotto, che rimane un classico intramontabile del cibo di strada.

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Mancino

Chef Giuseppe Mancino, Ristorante Il Piccolo Principe – Viareggio

 

 

 

 

 

Arnolfo: lo Chef di questo noto ristorante nella provincia di Siena, Gaetano Trovato,  si esprime con la sua cucina di ispirazione mediterranea contemporanea privilegiando le materie prime nostrane.

 

 

 

 

Chef Gaetano Trovato preparing a dish in the kitchen of his Restaurant Arnolfo in Colle di Val d'Elsa

Chef Gaetano Trovato, Ristorante Arnolfo – Colle di Val d’Elsa (SI)

 

 

 

 

 

 

Bracali: a conduzione familiare, nel cuore della Maremma, lo chef e suo fratello propongono di impiattare le eccellenze del territorio partendo come base proprio dai piatti tipici della zona, permettendo ai loro ospiti di assaporare un’antica arte che rimane sempre nuova, quella della cucina tradizionale.

 

 

 

Primo calamarata di gragnano con frutti di mare e asparagi

Ristorante il Piccolo Principe – Viareggio

 

 

 

 

 

 

Enoteca Pinchiorri: vanta ben 3 stelle Michelin e nei suoi lussuosi locali accoglie e coccola i suoi ospiti a cui offre una cucina che eccelle nella ricerca e nel rispetto della materia prima.

 

 

 

 

giardino

Enoteca Pinchiorri – Firenze

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Galleria immagini

Articoli correlati

Vivo Taste Lab Avete un palato rock? Chef Vincenzo Vottero è il vostro uomo e Vivo Taste Lab è la vostra destinazione a Bologna.Questa è la definizione che lui stesso da della sua cucina…una cuci...
Pasta, amore e fantasia: I Ristoranti stellati del... Gli odori, le botteghe, le bancarelle del pesce fresco vicino la costa, ogni dettaglio ricorda quanto la Campania sia legata all’arte culinaria, anche il vociare dei napoletani met...
Soste sulla via Francigena      La catena montuosa di Monte Albano, 16.000 ettari di solido macigno, accoglie le tre province di Pistoia, Prato, Firenze. Montalbano si dirama sull’Appennino Tosco-emiliano, i...
Gli stellati dell’Emilia Romagna La prima Guida Michelin fu redatta nel 1900 da Édouard e André Michelin; dapprima era un semplice breviario per i pochi automobilisti francesi, oggi è una delle guide più lette dai...
Network
×